Nasce a : Goima di Zoldo (BL) 18.01.1938
Entra in Congregazione: 01.09.1953
Inizio Noviziato: 02.07.1954
Professione Temporanea: 02.07.1956
Professione perpetua: 21.11.1961
Deceduta a Casa Madre: 31.12.2017

Appena varcata la soglia…                                                      

sento il tuo sguardo sul cuore

                  (da “canti ultimi”- Turoldo)

 

 

 

Sr. Clementina é nata a Goima di Zoldo Alto (BL) da famiglia numerosa, di profonda fede cristiana, nel 1938.

A soli 15 anni lascia le sue amate Dolomiti per entrare nella famiglia religiosa delle “Piccole Figlie”. Fa la prima professione nel 1956. Dopo essersi diplomata all’Istituto Magistrale di Parma “Laura Sanvitale” nel 1961, è inviata a Roma, nel 1962, dove stava nascendo la scuola “Anna Micheli”, tuttora esistente. Qui ha esercitato con grande professionalità la missione di docente di scuola primaria fino al 1998. Nel 2010 lascia Roma e torna a Parma nella comunità di Casa Madre. Sr. Clementina era donna di poche parole, ma di intensa ricerca del vero e del bello. Amava leggere e coltivava una vita spirituale profonda. Amava la poesia di D.M. Turoldo e seguì con attaccamento filiale il magistero di Albino Luciani. Forte era il suo amore alla Chiesa e alla sua vocazione che curava con aggiornamenti e corsi di spiritualità. Sentiva come missione la preghiera per i sacerdoti che ogni giorno accostava con rispetto e cordialità nel suo prezioso servizio di sagrestana.

Agli alunni che hanno beneficiato del suo insegnamento insieme ad una solida formazione, lasciamo il ricordo e la penna: una lettera carica di freschezza e sincera spontaneità: “Dei bambini gioiosi e un po’ impauriti. Questo eravamo in quel lontano settembre 1990, primo giorno di scuola. Primo giorno di vita, anzi. Ci hai preso per mano da subito, gettando le basi morali ed umane sulle quali costruire le nostre vite.

Riservata, di grande cultura, rigorosa, probabilmente severa. Soprattutto seria. Già, una persona seria: Una rarità assoluta nella lacerata società moderna, svuotata nei valori e nei rapporti più semplici, umani e comportamentali.

Ci hai insegnato a vivere e abbiamo ben presto capito, con quell’intuito puro e innocente che hanno solo i bambini, che dietro a quella apparente severità c’era un cuore grande, così. Ci siamo affezionati subito, tra riassunti e problemi di matematica, tra recite e gite, tra urla e qualche sorriso buono e sincero che valeva oro, paragonato a tante risate frivole e ingannevoli che poi avremmo trovato nel nostro cammino.

I giorni e gli anni volavano via così, tra pianti e abbracci, risa e scappellotti. All’età di undici anni, quando ti salutammo per il “salto” nella Scuola Media, piangevamo tutti. Ora, dopo tanti anni, nell’apprendere la triste notizia, ci sembra quasi di tornare indietro nel tempo, in quel lontano giugno del 1995, ultimo giorno di scuola.

Più di una lacrima ci riempie gli occhi…riposa in pace sr. Clementina, ti abbiamo voluto bene. Grazie. Con amore: Raniero Mercuri, Eugenio Fradeani e tutti gli ex bambini della classe elementare dal 1990-’91 al 1994-’95,

Ist. Anna Micheli, Roma”. Stimata molto dai genitori che accompagnava anche nel cammino di fede, sapeva trasmettere una sobria e “calda” devozione mariana, legata alla Vergine De La Salette.

Nell’ultimo periodo, segnato dal declino fisico, ha testimoniato la serenità, manifestando a tutti coloro che incontrava la sua fede nel Signore e il suo affetto cordiale: “Gesù e Maria sono sempre con noi!” ripeteva, con un largo sorriso, a quanti incontrava.

Grazie al Signore e grazie a te, Sr. Clementina, per la vita tutta donata alla crescita umana e spirituale di tanti bambini e per i tanti esempi seminati lungo la strada della tua vita. Sia Lui ora la tua ricompensa in cielo.