Nasce a Motteggiana (MN): 05.01.1925
Entra in Congregazione: 05.07.1945
Inizio Noviziato: 25.12.1945
Professione Temporanea: 21.11.1947
Professione perpetua: 21.11.1952
Deceduta a Villa Chieppi: 29.04.2016

Lasciate che i giovani

vengano a me.

(Cfr. Mt 19,13-15 )

Venerdì 29 aprile scorso, alle ore 11, si può dire inaspettatamente, Sr Imea ci ha lasciato per il cielo, meta da lei desiderata da tempo.

Era nata nel 1925 a Motteggiana, nei pressi di Suzzara (MN), dove allora operavano le Piccole Figlie che, crescendo, Imea ebbe l'opportunità di conoscere da vicino e di apprezzare. Questa stima e questa conoscenza reciproca crebbero con gli anni e favorirono la scelta della vita religiosa nella nostra Famiglia.

Il 13 giugno 1945 (era appena terminata la guerra), la giovane Imea così scriveva alla Superiora generale per chiedere di essere accolta nell'Istituto della Piccole Figlie: "...Avrei voluto far domanda molto prima, ma causa la lontananza del fratello, i miei genitori non me lo hanno permesso. L'unico scopo della mia vocazione è quello di darmi tutta al Signore, per essere a Lui più unita, e di fare in tutto la sua volontà, riconoscendola nei Superiori. Sono in possesso della Licenza elementare e da cinque anni lavoro in casa da magliaia..." La richiesta ebbe ben presto risposta affermative e il 5 luglio dello stesso anno, Sr. Imea entrò in Congregazione, portando con sé la propria esperienza lavorativa e soprattutto la volontà di essere tutta del Signore.

Subito ella evidenziò un temperamento vivace ed aperto e buone attitudini per le attività manuali che, dopo la formazione religiosa iniziale, poté sviluppare attraverso studi adeguati: nel 1950 conseguì il diploma di Magistero professionale per la Donna – sezione lavori femminili, e successivamente integrò la sua preparazione professionale con ulteriori corsi di formazione, ben sapendo che quanto più una persona sa, tanto più potrà essere utile agli altri. Così don Agostino Chieppi scriveva per le sue Figlie.

Dal 1950 al 1994, Sr. Imea si dedicò, quasi ininterrottamente, all’insegnamento delle materie tecniche e lavori femminili nella Scuola Media e nell’Istituto Tecnico Femminile di "Casa Famiglia" (PR), con una sola parentesi dal 1962 al 1966, periodo in cui fu trasferita presso la Scuola Anna Micheli di Roma.

Dal 1966 al 1971, sempre a Casa Famiglia, insegnò alle Lavoratrici Apprendiste in corsi complementari, e dal 1966 al 1983, svolse anche il servizio di Educatrice delle giovani accolte nel Collegio annesso alla scuola: compito prezioso ed impegnativo, perché richiedeva di vivere a tempo pieno con le studentesse e di accompagnarle nel loro cammino di crescita.

Le giovani (alunne e collegiali) hanno ricordi belli della Sorella che definiscono "persona preparata professionalmente, capace di tenere la disciplina, solare, forte e, nello stesso tempo dolce nell'educare, affettuosa, soprattutto con le Collegiali che sapeva intrattenere con scherzi e tanta ilarità".

Questi tratti del carattere sono confermati anche dalle Sorelle che hanno condiviso con Sr. Imea un lungo tratto di strada nella scuola e/o nella comunità religiosa. Una Piccola Figlia afferma: "Essendo persona capace di relazioni calde e profonde, era molto amata dalle ragazze che sapeva comprendere e ascoltare, entrando in sintonia con loro; spesso era depositaria delle loro confidenze e dei loro segreti. Ella ha saputo stabilire relazioni positive pure con i genitori con cui riusciva a tessere un dialogo costruttivo, comprenderne le difficoltà e cercarvi soluzioni concrete...". E una ex-alunna: Era apprezzato il suo naturale umorismo e la gioia contagiosa di cui conservo un piacevole ricordo.

Per motivi di età e di salute, dal 2009, la Sorella fu accolta nella comunità di Villa Chieppi dove arricchì, anche con l'esperienza della malattia, l’ultima parte della sua esistenza, trascorsa, fino al 2006, nell'amata scuola di Casa Famiglia, tra adolescenti e giovani.