Nasce a Gambigliano (VI): 26.01.1918
Entra in Congregazione: 24.10.1933
Inizio Noviziato: 10.07.1934
Professione Temporanea: 02.07.1936
Professione perpetua: 26.07.1942
Deceduta a Villa Chieppi: 05.12.2011

“Il Signore verrà, e tutti i santi con Lui:in quel giorno splenderà una grande
 luce”.
            (Antifona del giorno)

Per Sr. Teresa la promessa si è avverata, dopo un lungo tempo di attesa, vissuto consapevolmente fino all’ultimo, anche se l’unico segno di presenza, alla fin, era il movimento delle labbra per accompagnare la preghiera delle sorelle che andavano a visitarla.

La notizia della sua scomparsa era ormai attesa, ma è commovente e unanime la reazione delle sorelle che l’hanno conosciuta da vicino: “E’  volata in cielo una santa!”. “Non ho mai conosciuto una sorella così buona”. “Era amata e stimata da tutti”

Era entrata in Congregazione a 15 anni, seguendo la sorella Sr. Ida, con il pieno consenso dei suoi genitori e del parroco, che ne fece un’ottima presentazione.

Ancora giovanissima, nel 1939 iniziò la sua missione nell’Ospedale-Ricovero di Suzzara come aiuto in Sanatorio e servizio di notte. Vi rimase fino al 1951, anno in cui passò alla Casa di Riposo di Novi dove rimase fino al 1975. Questi 24 anni di donazione silenziosa, generosa e serena ai ricoverati, in un’opera gestita da accaniti anticlericali, sono stati anni di luce per quel paese. I responsabili dell’opera non avevano parole per esprimere la loro ammirazione e riconoscenza ed erano sempre pronti ad aiutare lei e la consorella  Sr.Angela Zoni , “due donne intoccabili”.

Nel 1973 passò all’ospedale di Sissa, con servizio agli anziani di notte, fino al 1993. Infine a Villa Chieppi con le sorelle anziane a cui offrì, fin che le fu possibile, il suo amoroso servizio di giorno e anche di notte.

Per capire che cosa  muoveva tanta bontà basta  leggere alcuni  pensieri,  scritti in modestissime agendine, l’unica fonte  documentata da lei stessa, di quella forza che la muoveva nel dono si sé, senza riserve, a Dio e ai fratelli.  Ne citiamo alcuni.

“Signore, tu sei sempre con me. Tu hai detto che sei sempre col Padre e il Padre è in Te. Così pure so che Tu sei in me e vivo giorno dopo giorno con la tua grazia. Ti porto ai fratelli vicini e lontani testimoniando a tutti che Tu sei l’Amore”.

“L’amore deve consumare la vittima nel dolore, Se soffro con pazienza è amore, faccio piacere a Gesù, che ci farà felici in cielo”.

“La tua carità e bontà risplenda sulla tua bocca, sulle tue mani, sul tuo sorriso. Amore, gioia,  garbo e carità è ciò che Gesù vuole. Vivere la mia giornata fatta di amore,con gioia e serenità”.

“La mia guida è Maria nell’ascolto della Parola di Gesù, per farla mia ed essere umile,  docile ,serena, piena di bontà per ogni persona che incontro. Essere perseverante con il suo aiuto.

In ogni cosa è Maria la mia guida e Madre. Lei mi insegna ad essere umile, docile, serena, con viso aperto e pieno di bontà con tutti”.

             Queste non sono parole: è vita vissuta, perciò non abbiamo dubbi che sia già nella gloria dei santi e che non potrà cessare di implorare per noi ogni bene. Grazie, Sr. Teresa!